PROGETTO

Promossa dalla Fondazione Geometri Italiani, l’iniziativa ha uno scopo didattico finalizzato all’orientamento in uscita per le classi seconde e terze delle scuole secondarie di primo grado e all’orientamento in entrata per le classi prime degli istituti tecnici, settore Tecnologico, indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio. Alla base dell’intento, un’azione di responsabilità sociale volta a offrire un contributo per contrastare il fenomeno della dispersione scolastica, mettendo a disposizione di studenti, famiglie e docenti, strumenti utili a formulare una scelta più consapevole sul futuro percorso di studi. A ciò si unisce una attenta informazione sulle potenzialità didattiche degli istituti tecnici, settore Tecnologico, indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio (CAT) (denominati Istituti per Geometri prima della riforma Gelmini del 2010) che illustrano agli insegnanti, agli studenti e alle loro famiglie come questo peculiare percorso di studi - favorito anche dalla recente possibilità di svolgere con il programma di Alternanza Scuola Lavoro stage qualificanti, presso studi professionali o imprese del settore rappresentativi - possa permettere allo studente di entrare subito nel mondo del lavoro, oppure di accedere all’università completando la propria formazione specialistica con un titolo accademico dedicato. A questo proposito, il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati ha partecipato fattivamente alla presentazione del Disegno di Legge "Disciplina della professione di geometra e norme per l'adeguamento delle disposizioni concernenti le relative competenze professionali" (AC 4030) - attualmente all’esame congiunto delle Commissioni VII (Cultura) e VIII (Ambiente e Territorio) della Camera dei Deputati. Il testo ha subito raggiunto un’alta e totalmente trasversale adesione di firmatari, a testimonianza di come l’evoluzione della figura del Geometra sia da più parti positivamente auspicata e accolta, affinché divenga un libero professionista a livello europeo, in linea con le mutate esigenze della società e del mondo del lavoro.

0
SCUOLE ADERENTI
0
CLASSI
0
STUDENTI COINVOLTI

TEST DI ORIENTAMENTO

Il Test di Orientamento del progetto Georientiamoci è stato ideato per favorire la scelta del percorso didattico successivo dagli studenti in uscita dalla scuola secondaria di primo grado. Una scelta della Fondazione Geometri Italiani che ha ricevuto il sostegno del Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca e si pone a livello nazionale fra le iniziative sociali a disposizione per il contrasto della dispersione scolastica, un fenomeno che si registra maggiormente nelle prime classi delle superiori. Gratuito, fruibile online e costantemente aggiornato: coinvolge ogni anno con successo migliaia di ragazzi rivelandosi continuamente uno strumento di grandissima efficacia nel guidare gli studenti alla ricerca delle proprie capacità. E’ un procedimento certificato che permette di integrare la propria ipotesi di scelta con una valutazione oggettiva fatta su base scientifica, grazie alla elaborazione svolta da un’èquipe composta da psicologi che operano nel mondo della scuola, sociologi e pedagogisti qualificati, esperti nell'analisi di abilità e attitudini, che hanno elaborato domande e prove pratiche da svolgere online, capaci di esplorare a fondo le inclinazioni e propensioni dei ragazzi. La sua validazione giunge dopo un rigoroso iter di sperimentazione e presenta risultati basati sullo sviluppo di una consapevolezza delle reali attitudini del giovane che lo svolge. Il Test è un utile elemento di sostegno sia per i teenagers e le loro famiglie, per arrivare a maturare una scelta ponderata, sia per i docenti, per promuovere sessioni in classe dedicate alla valorizzazione delle caratteristiche personali degli alunni. Per questa ragione, si suggerisce l’affiancamento con il genitore o il prof.

LABORATORIO BaM

Per le classi seconde medie è stato ideato un laboratorio didattico innovativo. Una soluzione tecnologicamente avanzata - che si basa su una web app appositamente sviluppata - e originale nei contenuti: propone agli studenti la progettazione in 3D della propria classe. Il software mette a disposizione dei ragazzi una library con gli elementi che concorrono a definire un grado di sostenibilità dell’idea progettuale. Questa loro scelta determinerà una classificazione dei progetti elaborati, finalizzata principalmente all’educazione dei giovani alla sostenibilità ambientale, alla sicurezza e all’efficienza energetica. Un esercizio che idealmente proietta lo studente in una professione protagonista dell' ambiente, introducendolo fin d’ora al modello dell’economia circolare esemplificato dalle 3 R (Riduci, Riusa, Ricicla). Un processo produttivo che esclude gli scarti e riutilizza le materie costantemente, in un’ottica di sostenibilità generale. Inoltre, il concept del laboratorio didattico vuole avviare i ragazzi all’uso di una versione personalizzata del ben più complesso e diffuso BIM (Building Information Modeling), il sistema digitale destinato a rivoluzionare il comparto dell'edilizia, da cui deriva la ragione che ha portato a denominare BaM (Building and Modeling) il laboratorio. L’iniziativa si inserisce pienamente nelle linee generali della Pianificazione dell’Offerta Formativa delle scuole secondarie di primo grado, raggiungendo i seguenti obiettivi: miglioramento delle competenze digitali dei ragazzi, primo orientamento al mondo del lavoro, approfondimento dei principi che determinano la sostenibilità ambientale.

0
SCUOLE COINVOLTE
0
CLASSI
0
STUDENTI COINVOLTI
0
LABORATORI SVOLTI

LA SQUADRA

Vuoi ricevere la nostra Newsletter?

Visita anche:


Progetto promosso da:


Fondazione Geometri Italiani